Accessibilità

Cos'é l'accessibilità?
La normativa nazionale ha recepito il tema dell'accessibilità attraverso la Legge 9 gennaio 2004, n. 4 (c.d. Legge Stanca), recante "Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici" e dai regolamenti attuativi, il D.P.R. 1 marzo 2005, n. 75 e il Decreto Ministeriale 8 luglio 2005 contenente i requisiti tecnici ed i diversi livelli per l'accessibilità agli strumenti informatici. L'accessibilità viene intesa come "la capacità dei sistemi informatici, nelle forme e nei limiti consentiti dalle conoscenze tecnologiche, di erogare servizi e fornire informazioni fruibili, senza discriminazioni, anche da parte di coloro che a causa di disabilità necessitano di tecnologie assistive o configurazioni particolari".

Con l'emanazione del Decreto Legge n. 179/2012 (decreto Crescita 2.0), coordinato con la legge di conversione 17 dicembre 2012, n. 221 , recante: «Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese», ai sensi dell'art. 9, comma 7, le amministrazioni pubbliche hanno l'onere di pubblicare nel proprio sito web, entro il 31 marzo di ogni anno, gli Obiettivi di Accessibilità. L'inosservanza di tali disposizioni è considerata rilevante ai fini della misurazione e della valutazione della performance individuale dei dirigenti responsabili.

A tal proposito l'Agenzia per l'Italia Digitale ha emanato la circolare n. 61/2013, il cui comunicato è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 90 del 17 aprile 2013, con il proposito di informare le pubbliche amministrazioni sui nuovi adempimenti posti a loro carico dalla recente normativa in materia di accessibilità, nonché fornire alle stesse due strumenti che possono essere d'aiuto per rispondere agli obblighi di legge: un questionario per effettuare un'autovalutazione sullo stato di adeguamento dei propri siti e servizi web in termini di accessibilità e un format per la pubblicazione online degli Obiettivi annuali.